Trattamento delle alterazioni trofiche dell'unghia

 

Le più comuni alterazioni dell'unghia coinvolgono lo speesore e la resistenza della lamina.

La terapia podologica è mirata innanzitutto ad eliminare I sintomi e ad individuare la causa della patologia.

Spesso, infatti, queste manifestazioni sono secondarie ad alterazioni del microcircolo o metaboliche, traumi, interventi pregressi.

Per ridonare all'unghia una morfologia il più possibile fisiologica si interviene regolandone lo spessore, la crescita e la forma nonchè la resistenza strutturale.

Ogni trattamento è indolore ed ha una durata variabile da 2 a 6 mesi.

 

 

Trattamento delle ulcerazioni

 

Le lesioni ulcerative del piede e dell'arto inferiore possono avere origine neurologica, vascolare, mista, post-traumatica.

Le cause che concorrono alla formazione di un'ulcera possono essere molteplici, pertanto è indispensabile, al primo incontro un completo e corretto inquadramento del paziente. Spesso la terapia è multidisciplinare ed è nostra consuetudine coinvolgere direttamente nelle nostre indagini e terapie il medico curante e gli eventuali specialisti che abbiano già in cura il paziente.

Il campo operativo del podologo prevede la conoscenza e l'utilizzo di tutte le medicazioni galeniche ed avanzate oggi disponibili, nonchè dei protocolli ortesici terapeutici e preventivi.

Inoltre, possiamo avvalerci della collaborazione di numerosi specialisti per offrire un'assistenza completa e professionale anche in ambito chirurgico.

 

 

Magnetoterapia

 

La magnetoterapia sfrutta gli effetti dei campi magnetici pulsati a bassa frequenza e bassa intensità trasmessi tramite un solenoide e consente di attivare ed accelerare la rigenerazione cellulare.

Questa terapia è indicata nei trattamenti di molteplici patologie infiammatorie acute e croniche, accompagnate da sintomatologia dolorosa, nelle sindromi ansiose, dell'insonnia e nelle patolgie vascolari e ulcerative.

Già da molti anni è in uso nella pratica clinica, ortopedica e traumatologica, negli ultimi anni ha conosciuto forte impulso grazie ad una serie di riconoscimenti clinici che l'hanno legittimata come pratica terapeutica d'elezione rispetto alla terapia fisica ed a quella farmacologica nella cura di alcune patologie.

La magnetoterapia è indicata per:

 

Ionoforesi

 

La ionoforesi sfrutta I benefici del passaggio di corrente (max 7 mA) applicando degli elettrodi conduttivi assieme a del materiale assorbente (spugne sintetiche) in combinazione a sostanze veicolanti ionizzate con principi attivi adeguati a diverse patologie.

Questa terapia è indicata per:

 

TENS ed elettrostimolazione neuromuscolare

 

L'elettrostimolazione è una tecnica che, mediante l'utilizzo di impulsi che agiscono o sui punti motori dei muscoli (motoneuroni) o sui terminali nervosi, provoca una contrazione muscolare del tutto simile a quella volontaria.

Esistoni diversi modalità di utilizzo: la stimolazione muscolare (ideale per lo sviluppo della forza); la stimolazione ai terminali nervosi (ideale per I trattamenti contro il dolore).

I vantaggi dell'elettrostimolazione sono diversi a seconda del capo di utilizzo:

 

Bendaggi funzionali

 

I bendaggi funzionali vengono largamente utilizzati in campo sportivo e riabilitativo come validi sostituti di terapie più compromettenti come l'ingessatura.

Per il loro confezionamento si utilizzano bendaggi elastici di diversi materiali e con diverse caratteristiche combinati tra loro e specifici per ogni patologia.

Normalmente la loro funzione è la limitazione o l'eliminazione del movimento che ha causato il trauma o il dolore consentendo una funzionalità residua adeguata ad una quotidiana attività anche sportiva.

La loro durata è, in media, di circa 5-7 giorni.

 

 

Feltraggi

 

I feltraggi sono una pratica palliativa coadiuvante ad azione protettiva o decompressiva utilizzati preliminarmente od in combinazione ad altre terapie.

In ambito podologico vengono introdotti in attesa della correzione ortesica plantare, in fase di studio della correzione ortesica digitale, durante il trattamento delle verruche plantari per accelerare la guarigione ed eliminare il dolore da compressione.

Hanno una durata media di 5-7 giorni e possono essere ripetuti più volte senza alcuna controindicazione.

 

 

Home